Location sul Lago di Como per festeggiare un momento indimenticabile della vostra vita…..

Ville, Case d’epoca, Rustici di gusto, Spiaggie riservate, Pianure in montagna circondate dal bosco… Ovunque decidiate di voler festeggiare una ricorrenza molto speciale.

Servizio di affitto e allestimento location ed organizzazione Catering and Banqueting…sul Lago di Como e montagne adiacenti, dalla Valsassina alla Valtellina…

Annunci

Bed&Brekfast & Studios Alto lago di Como- Guest house, Dormire in Alto lago

OLYMPUS DIGITAL CAMERAOLYMPUS DIGITAL CAMERADSCN4939OLYMPUS DIGITAL CAMERADSC_0010VARIE  2009 005altravista lago 136

http://www.bedandbreakfastlagodicomo.com

http://www.tripadvisor.it/Hotel_Review-g635874-d1918322-Reviews-Alto_Lago_di_Como-Gravedona_Lake_Como_Lombardy.html

Cucina tipica e specialità gastronomiche sul Lago di Como

L’area del lago di Como, oltre alla parte lungo le sponde, si svilupppa anche per un tratto in Brianza, e per una vasta superficie a ridosso delle Alpi, percio’ nella zona si possono distinguere   tre culture alimentari ben caratterizzate e diverse tra loro, ma fuse spesso in armonica commistione.

La prima cucina, la piu’ richiesta, è quella del lago con il suo naturale protagonista, il pesce.  Il risotto con i filetti di pesce persico è il “piatto tipico” del Lario, da gustare  quando il pesce persico, sempre più raro e difficile da trovare, viene pescato fresco nel lago. Il pesce deve essere  leggermente infarinato, non impanato, e rosolato dolcemente in burro con foglie di salvia fresca…

risotto-con-filetti-di-pesce-persico    missoltini-con-polenta-misultin

Un’altra specialità famosa e originale, tipica della Tremezzina e dell’ AltoLario, sono i “misultin”, ormai italianizzati in “missoltini”. Sono gli agoni pescati tra maggio e giugno, essiccati al sole e pressati col sale nelle “missolte” di legno. Vengono scaldati in padella o alla griglia e di solito accompagnati da polenta. Originariamente la polenta era riscaldata, alla griglia sul camino, oggi è passata in padella o al micronde. (I missoltini sono una specialità difficile da apprezzare, per il  gusto intenso e molto ricco di sale). Un’altra deliziosa ricetta: il pesce in carpione, normalmente si usano agoni, ma a volte anche altri tipi di pesce, che viene fritto in  olio e marinato in una emulsione di vino e aceto aromatizzati con carote, cipolle, erbette, e l’olio di cottura del pesce. Raramente si possono ancora degustare  le alborelle fritte (durante il periodo in cui ne è permessa la pesca), piccoli pesciolini dei quali di mangia tutto…

– – – – – – – – – – – – – – – – – – — – – – –

 La seconda è la cucina delle valli, più arcaica e un po’ più semplice, polenta, formaggi e funghi (secondo la stagione), maiale, capretti, cervo come protagonisti. Piatti talmente tipici e tradizionali da non avere neppure la traduzione in italiano, come la “polentauncia” fatta con farina di granoturco, mischiata a farina di grano saraceno, e condita a fine cottura con formaggio, burro e aglio; gli gnocchi col cucchiaio, gnocchi impastati al momento con farinaOO latte uova, sempre conditi con formaggio, burro fuso ed aglio, il riso “in cagnone” riso lessato con patate , con gli stessi condimenti.

DSCN5100    DSCN4759

Le patate arrostite, dopo essere state lessate, vengono saltate con burro e formaggio, e la torta “ miascia” fatta con pane avanzato, frutta, burro, latte, uova, zucchero ecc E poi tutti i prodotti del latte, dal burro di pascolo ai formaggi: formaggini di capra, semude, formaggelle, formaggio grasso e semigrasso. Arrosti di capretto, grigliate di costine e salsicce di maiale, selvaggina in salmi’ o baciccio’ sono i piatti di carne piu’ tipici.

– – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –

La terza è la cucina che arriva dalla pianura, ovvero dalla Brianza, e che propone soprattutto piatti di carne robusti ed è un po’ l’espressione nordica della cucina lombarda L’uso del maiale è frequente e i nomi dei piatti sono comuni ad altre zone, specialmente al milanese.

DSCN4168   cassoeulabrasera2008

Qui troviamo la “buseca”, minestrone di trippa robusto e corroborante; la “cassoela”, uno stufato a base di costine di maiale, cotenne e verze. La polenta,servita come contorno con i cotechini di maiale, il coniglio alla cacciatora, i brasati di manzo. E anche qui da gennaio a marzo le salsicce fresche da fare alla griglia.

Alcune specialità arrivano inoltre dalla vicina Valtellina, come la Bresaola ed i Pizzoccheri.
Altre specialità molto gradite sono state importate dalla vicina Svizzera come le Fondue di carne  e la Raclette…

Migliorare l’afflusso di clienti in zone turistiche

casa e mori 053Costante reinterpretazione della tipicità, una pagina del menù dedicata ai prodotti locali con descrizione, sarebbe auspicabile in ogni ristorante per tutto il periodo annuale…

Menù costantemente aggiornato e pulito, tradotto almeno in inglese 

Riduzione di voci nei menù e semplificazione degli stessi, per salvaguardare la freschezza e la salute, ma anche gli sprechi e quindi anche i costi di gestione 

Flessibilità di orario, e rotazione dell’offerta, piccole carte per il pranzo-pomeriggio o la tarda serata

Caratterizzazione più definita del locale (Tradizionale, pizzeria, trattoria, gourmet, modaiolo, risto-bar…) che dimostri coerenza e puntualità nell’offerta e definisca meglio i punti di forza del locale     

Frequenza a corsi ed aggiornamenti inerenti il food and beverage, fiere del settore, visite in aziende produttrici per le persone impiegate nei ristoranti….

Apprendimento da parte del personale impiegato delle lingue straniere

Organizzazione di momenti che stimolino la socializzazione e l’intrattenimento anche per i frequentatori abituali ed eventuale scontistica per i clienti che dimostrino fedeltà annuale e comprensione estiva…(O carta fedeltà)